Livello 6

Musica per gli occhi. Interferenze tra video arte, musica pop, videoclip

10 agosto 2018 - 04 novembre 2018

a cura di Luca Quattrocchi

Una mostra "visivo-sonora" sulla fertile contaminazione che porta non solo gli artisti a cimentarsi con il videoclip, ma che soprattutto vede i videoclip e la musica pop offrire agli artisti inediti spunti creativi e occasioni di riflessione sulla società contemporanea.

La musica pop e il suo immaginario visivo, suadenti e penetranti, intervengono nella vita quotidiana contribuendo a definire e modificare relazioni sociali, tendenze estetiche, gusti collettivi; a suggerire attitudini mentali, modelli comportamentali, opinioni politiche, in una fitta rete sonora che sembra divenire sempre più visibile e palpabile. E la cui complessità nasce da una vorace, e metabolizzante, sommatoria di componenti e di stimoli: a partire dai primi anni Ottanta la musica pop si arricchisce di uno straordinario strumento espressivo e promozionale quale il videoclip, consacrato dalla nascita (1 agosto 1981) e dall’immediato trionfo di MTV, che non solo trasforma radicalmente la modalità di fruizione e consumo della musica, ma modifica in senso lato l’atteggiamento mentale di percezione e lettura della realtà, accelerando il processo attraverso il quale le persone sono più portate a pensare secondo immagini che secondo logica. 

Al tempo stesso il videoclip, sorretto dalla facoltosa industria discografica, incrementa in maniera esponenziale lo scambio creativo tra la musica pop e le altre forme d’arte quali il cinema e le arti visive, già avviato negli anni Sessanta, in un coinvolgimento che va dagli estremi di una sincera volontà di sperimentazione e collaborazione a un allettante irretimento. Se, come è stato detto, il videoclip è affetto da “cliptomania” per il suo atteggiamento predatorio nei confronti delle arti visive, dal canto loro le altre discipline intervengono attivamente nel dare forma alla visività della musica, sia offrendo il contributo degli specifici strumenti espressivi (pittura, fotografia, video arte, performance, cinema), sia attingendo a loro volta alla nuova e ibrida estetica del videoclip, sia infine interpretando in chiave critica la complessa rete di relazioni che la musica pop disegna nel paesaggio sociale. 

La “mostra visivo-sonora” Musica per gli occhi intende analizzare questo stato di fertile contaminazione che porta non solo gli artisti a cimentarsi con il videoclip, ma che soprattutto vede i videoclip e la musica pop offrire agli artisti inediti spunti creativi e occasioni di riflessione sulla società contemporanea.

Quindi non una mostra sui rapporti tra musica pop/rock e arti visive, già ampiamente indagati nel loro percorso storico dai Beatles e Warhol in avanti, ma sulle interferenze che, all’insegna della visività della musica, hanno luogo da una parte nel campo della video arte, e dall’altra in quello dei videoclip realizzati da artisti e registi cinematografici, cercando di evidenziare le contaminazioni e le derivazioni reciproche, i parallelismi o gli slittamenti di senso.

 

In mostra opere di

Adel Abidin, AES, Robert Boyd, ConiglioViola, Martin Creed, Keren Cytter, Dorian Gaudin e Christian Dubuis Santini, Gery Georgieva, Jesper Just, Tom Kalin, Katarzyna Kozyra,  Ange Leccia, Pipilotti Rist, Mickalene Thomas, Francesco Vezzoli.

 

E videoclip musicali di

Peter Gabriel, Grace Jones, Curiosity Killed the Cat, David Bowie, The Smiths, Antony and the Johnsons, Tom Waits, Madonna, Nine Inch Nails, eels, R.E.M., Gianna Nannini, Red Hot Chili Peppers, The Hours

 

Con la regia di

Sean Penn, Keith Haring, Andy Warhol, Tony Oursler, Derek Jarman, Charles Atlas, Jim Jarmusch, Luc Besson, David Lynch, Wim Wenders, Sam Taylor-Johnson, Michelangelo Antonioni, Gus van Sant, Damien Hirst

Livello 6.
10 agosto 2018 - 04 novembre 2018

Orari

fino al 15 ottobre
tutti i giorni ore 10.00-19.00 

dal 16 ottobre
lunedì, mercoledì, giovedì: ore 10.00-17.00
venerdì, sabato, domenica: ore 10.00-19.00
martedì chiuso

Biglietti

Mostra: 5 euro
Mostra + Museo: 12 euro
Mostra + Acropoli: 21 euro
Mostra + Acropoli Plus: 23 euro
Ingresso gratuito: minori di 12 anni, accompagnatori portatori di handicap, giornalisti, accompagnatore gruppi.


Download files

invito inaugurazione

Scarica il file

Ufficio stampa

Riferimento

Salvatore La Spina

E-mail
s.laspina@operalaboratori.com

Scopri anche

26 lug 2018

Scopri tutto
01 feb 2018

Scopri tutto
25 gen 2018

Scopri tutto
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk